Qualche pazzia del genere

La Damigella mi rivolse nuovamente la parola: -Senta,-mi disse, con quel falso tono di voce con cui un maestro elementare si rivolgerebbe ad un bambino che non solo è ritardato mentalmente ma che ha pure il naso che gli gocciola.  – Non so fino a che punto lei conosca l’umanità. Ma quale individuo sano di mente, la sera prima delle nozze va dalla fidanzata e non la lascia andare a letto per spiattellare che è troppo felice per sposarsi? Poi, quando la fidanzata gli spiega , quasi fosse un bambino, che tutto è stato combinato e predisposto con mesi di anticipo e che suo padre si è sobbarcato delle spese e delle seccature incredibili per organizzare questo matrimonio, poi, dopo che ha finito di spiegargli tutto questo, lui risponde di essere terribilmente spiacente, ma non potrà sposarsi finchè non si sentirà meno felice o qualche follia del genere! Usi il cervello, se non le spiace. Le pare che quello sia un individuo normale? Le pare che sia sano di mente?

[J.D. Salinger]